Amazon Salon: apre a Londra il parrucchiere del futuro. A gestirlo un'italiana


A Londra, al 19 di Brushfield Street, Shoreditch, ha aperto le sue porte il primo Amazon Salon, gestito da un'italiana.

Un "parrucchiere del futuro" dove, grazie alla realtà aumentata, è possibile vedere in anticipo come staremmo con un certo taglio, colore o acconciatura.

A capo di questo salone troviamo Elena Lavagni, originaria di Grosseto e residente a Londra da 30 anni, la quale ha dichiarato: “Amazon ha utilizzato una tecnologia preesistente e ha messo il cliente al centro del business. Non tutti i capelli sono uguali e non tutti richiedono gli stessi prodotti. Grazie alla tecnologia, posso scegliere il prodotto più adatto a me, lo compro con il cellulare utilizzando il QR code e me lo ritrovo a casa il giorno dopo”.


Grazie a questa tecnologia è possibile vedere se i capelli di un certo colore ci starebbero bene o meno, evitandoci di uscire dal parrucchiere insoddisfatti o pentiti dalla scelta fatta.


Lavagni ha affermato: "Curiosamente una tecnologia che viene richiesta più dagli uomini o da signore di una certa età, probabilmente perché sono persone con più paura di osare. Le donne più giovani si buttano di più. Abbiamo fatto capelli blu e rosa, ma alla fine è il chelsea blowdry quello che viene richiesto di più".

I prezzi proposti sono in linea con la zona in cui si trova il salone.


Nel salon abbiamo sette parrucchieri di tutte le nazionalità, cosa che rispecchia la clientela di Shoreditch. Non conta il gender o la provenienza, ma la passione. Quello del parrucchiere è un lavoro faticoso, con un training lungo e orari difficili. Il cliente ti affida il suo aspetto. Ci devi mettere passione, ma alla fine il sorriso di soddisfazione di un cliente contento è la miglior ricompensa”.


Dimenticate l'immagine del cliente che entra dal parrucchiere mostrando la foto del divo famoso al quale vorrebbe copiare la capigliatura, il più delle volte con scarsi risultati, e preparatevi ad affidarvi al parrucchiere del futuro.


653 views0 comments