COMITES 2021: intervista ad Alessandro Gaglione capolista per "Mani Unite"


Il prossimo 3 dicembre si terranno le elezioni per il rinnovo, tra gli altri, del Comites (Comitato degli Italiani all’Estero) di Londra ed, a tale proposito, abbiamo intervistato l’avvocato Alessandro Gaglione, da 6 anni membro del Comites di Londra e capolista della lista, candidata per la circoscrizione di Londra “Mani Unite”.

Da anni fai parte del Comites di Londra: qual’è la tua esperienza con questa organizzazione e cosa ti ha portato a candidarti, come capolista, a queste elezioni?

Premetto che mi sono sempre occupato di Comunità Italiana e di italiani all’estero: dal 2000 sono socio (fondatore) di un’associazione di volontariato, “Mondoitaliano”, il cui scopo è quello di assistere gli italiani all’estero; dal 2008 coordino e mi occupo personalmente di turni di ricevimento per assistenza legale gratuita – per persone in comprovate difficolta’ economiche - presso la Chiesa Italiana di San Pietro in Londra per poi candidarmi, nel 2015, come consigliere del Comites.

Entrare a far parte del Comites che, ricordo, non e’ un organismo politico ma – piuttosto – di volontariato - è stato un passo naturale, essendomi sempre occupato di comunità italiana come volontario, e mi ha dato la possibilità di trovare una cassa di risonanza e di ampliare le attività di volontariato che già svolgevo a livello privato.

Questa nuova candidatura, come capolista, è figlia della prima: i 6 anni come membro del Comites sono stati un’esperienza bellissima, che ha reso possibile potenziare il lavoro volontario che svolgevo come privato, in quanto - trattandosi di una struttura più complessa, con piu’ risorse e con all’interno 18 membri - le possibilità di realizzare qualcosa di concreto per la Comunità sono molto più grandi.

Tutti noi abbiamo lavorato e abbiamo fatto moltissimo in questi anni: io mi sono potuto dedicare alle attività legate alla mia professione, occupandomi all’interno del Comites, della parte dedicata ai professionisti e realizzando eventi dedicati alla numerosa comunità di avvocati italiani residenti in Gran Bretagna, ed – inoltre - mi sono occupato, nella zona in cui vivo, dell’organizzazione di corsi di lingua e cultura italiana per bambini, cosa a cui tengo molto.

Per questi motivi, sono stato molto soddisfatto dalla mia esperienza all’interno del Comites, tanto da volermi ricandidare. Il ruolo di capolista mi è stato cortesemente offerto dai miei amici di “Mani Unite” ed ho assunto questo impegno molto volentieri.

La vostra lista si chiama “Mani Unite”: come nasce, da chi è composta e qual è il vostro scopo?

La nostra lista si chiama “Mani Unite” proprio per trasmettere questo senso di unione e comunità che vorremmo cercare di ricreare.

La lista è stata creata nel 1997 ed attualmente annovera 7 consiglieri su 18 all’interno dell’attuale Comites di Londra. Si tratta di una lista civica, totalmente apartitica, non legata a qualsivoglia partito politico o altro ente istituzionale: accogliamo e supportiamo tutte le idee, suggerimenti e proposte provenienti da chiunque, a condizione che vadano a beneficio della Comunità Italiana.

Ci proponiamo come uno “spaccato” della Comunità Italiana, con all’interno rappresentanti degli italiani di prima e seconda generazione, delle giovani famiglie, le quali hanno delle esigenze particolari e specifiche, come ad esempio i corsi di italiano per bambini, delle comunità italiane con doppio passaporto, come ad esempio la grande comunità di italo-brasiliani presenti nella circoscrizione consolare di Londra, dei professionisti e dell’imprenditoria italiana.

Ci proponiamo come Lista ben rappresentativa anche del territorio, tenendo conto che la circoscrizione consolare di Londra spazia per centinaia di miglia. I nostri candidati sono tutti radicati sul territorio: abbiamo candidati di Peterborough, Bristol, Kettering, Woking, Hitchin, Sutton ed ovviamente di Londra.

Quali sono i punti principali della vostra lista?

Innanzitutto ci interessa provare a ricostruire un senso di comunità che, con il declino dell’associazionismo, si sta purtroppo perdendo.

Vorremmo incrementare la capacità di interlocuzione con il Consolato, l’Ambasciata e le altre autorità italiane in UK, per essere al loro fianco nel rivolgerci a chi di dovere per ottenere supporto o richiedere un incremento delle risorse, necessario.

Avremo sicuramente un occhio di riguardo per gli anziani, gli immigrati di prima generazione, i quali sono sicuramente la categoria piu’ fragile e bisognosa di tutela.

Avremo una particolare attenzione anche per gli italiani di seconda generazione, i quali sono numerosi ed, in molti casi, hanno un grande interesse verso l’Italia.

Ci rivolgeremo anche agli italiani con doppia nazionalità, i quali sono una parte della Comunità Italiana che ha specifiche esigenze e problematiche e che ci impegneremo a rappresentare.

Faremo attenzione anche alle esigenze delle giovani famiglie, difendendo ed incrementando i corsi di lingua e cultura italiana per i bambini, in quanto è, a mio avviso, giusto ed importante che i nostri figli, oltre a saper parlare, sappiano anche leggere e scrivere l’italiano e conoscano anche la storia e le tradizioni italiane. Per incrementare ciò, oltre a supportare i corsi, organizzeremo una serie di eventi culturali.

Inoltre, daremo il nostro supporto ai giovani appena arrivati in UK, ad es, aiutandoli ad inserirsi all’interno del tessuto sociale inglese.

Infine, storicamente il Comites è poco conosciuto all’interno della Comunità Italiana ma negli ultimi mesi e’ stato realizzato un apposito ufficio stampa/comunicazione che sta facendo un ottimo lavoro e che ringrazio per i positivi risultati che sono gia’ molto evidenti.

Ci impegneremo a pubblicizzare, informare e coinvolgere maggiormente la Comunità Italiana in tutte le iniziative possibili, ascoltandone le istanze, interagendo per far emergere le eventuali problematiche da poi presentare alle autorità diplomatico-consolari.

Perchè gli elettori dovrebbero votare per voi?

Dovrebbero votare per noi perchè noi abbiamo un lungo passato a “garanzia” di ciò che ci impegnamo a fare. Ovviamente anche noi abbiamo, come tutti, un programma, ma in questa campagna elettorale vorremmo puntare sia sul futuro che sul passato, ovvero su quanto i candidati della nostra lista hanno fatto, in maniera del tutto volontaria e gratuita, per la Comunita’ Italiana nel corso degli anni, in alcuni casi, decenni: a garanzia dell’attuazione del nostro programma, la nostra lista porta 24 anni di concretezza.


Se la tua lista si presenta alle elezioni per il rinnovo dei Comites e desideri presentarla ai nostri utenti, contattaci a press@complitaly.uk