Comites, Settlement Scheme: cosa fare in caso di rifiuto della domanda, ritardi e altre criticità


Il Comites di Londra ha realizzato un webinair incentrato su delicato tema dell’EU Settlement Scheme, concentrandosi sui alcuni aspetti che stanno interessando i membri della comunità italiana, come ad esempio cosa fare in caso di rifiuto della domanda, ritardi e altre criticità.

L’incontro è stato tenuto dall’esperta Daniela Vicini del Settled e OISC Level 1 limited to the EUSS legal adviser.


Cliccando qui è possibile rivedere il webinair e prendere visione delle slide illustrative relative al tema trattato.


Il termine per la presentazione della domanda per l’EU Settlement Scheme era il 30 giugno 2021, tuttavia è possibile richiederlo in ritardo se si rientra in uno dei seguenti casi:

  • il ritardo è stato causato da una valida motivazione

  • la domanda viene presentata entro un “lasso di tempo consono” valutato dall’Home Office in maniera discrezionale.

Cliccando qui è possibile prendere visione della procedura per visualizzare e condividere il proprio status di immigrazione.

DOMANDA PER RICONGIUNGIMENTO FAMIGLIARE

Cliccando qui è possibile prendere visione della procedura per richiedere il settled o pre-settled status.


È possibile presentare richiesta anche per ricongiungimento famigliare, nel caso di:

  • coniuge o partner civile

  • compagno/a stabile

  • figli (>21 anni se a carico)

  • genitori a carico

Deve essere data prova che la relazione fosse già in corso al 31 dicembre 2021 e che stia proseguendo nel momento in cui il famigliare entrerà nel Regno Unito.


I famigliari devono fare richiesta dall’estero e, se cittadini UE, EEA o svizzeri, dovranno utilizzare l’App ed un documento biometrico, mentre coloro che provengono da Paesi non facenti parte dei gruppi precedentemente indicati devono richiedere l’EUSS Family Permit.


MANTENERE IL PRE SETTLED STATUS

Per mantenere il pre settled status è necessario soggiornare in maniera continuativa nel Regno Unito e ci si deve essere trasferiti in UK in maniera permanente prima del 31 dicembre 2020.

RICHIEDERE IL SETTLED STATUS

Dopo 5 anni di residenza continuativa in UK, soggiornandovi per un minimo di 6 mesi in ogni periodo di 12 mesi, è possibile fare richiesta per il settled status, presentando una nuova domanda.


È possibile richiedere il settled status con assenze:

  • inferiori a 6 mesi in un periodo di 12 mesi

  • superiori a 6 mesi, ma inferiori a 12 mesi per validi motivi (parto, malattia grave, studio all’estero con iscrizione in UK, formazione professionale, trasferimento temporaneo in una sede estera del proprio lavoro, covid-19)

Non è possibile richiedere il settled status se le assenze in un periodo di 12 mesi sono state superiori a 6 mesi senza un valido motivo.

In questo caso è possibile continuare a vivere e lavorare in UK fino allo scadere del proprio pre settled status, dopodichè sarà necessario richiedere un visto nell’ambito del sistema di immigrazione a punti imposto dal Regno Unito.


ASSENZE A CAUSA COVID

L’assenza dal Regno Unito per motivi legati al covid-19 è considerata valida e non comporta il decadimento del proprio pre settled status permettendo successivamente di presentare domanda per il settled status.


Una singola assenza tra i 6 e i 12 mesi continuativi a causa della malattia, permette comunque di richiedere il settled status, ricordando però di allegare una lettera che provi il motivo dell’assenza prolungata al momento della presentazione della domanda.


Il PSS resta valido anche con una singola assenza superiore ai 12 mesi continuativi causa covid, tuttavia in questo caso sarà necessario, al termine dei 5 anni, attendere per un periodo pari a quello dell’assenza prima di poter richiedere il settled status.


Qualora nell’arco dei 5 anni si siano fatte due assenze tra i 6 e i 12 mesi, è possibile comunque richiedere il settled status a patto che le assenze siano state fatte per dei motivi validi riconosciuti, di cui almeno una deve essere legata al covid-19. Anche in questo caso sarà necessario attendere per un periodo pari a quello delle assenze prima di poter richiedere il settled status.


Nel caso in cui il proprio Qualifying period per la richiesta del settled status sia stato prolungato a causa delle assenze legate alla pandemia, è necessario presentare una seconda domanda per il pre-settled status attraverso l’app EU Exit: ID Check fornendo le prove che giustifichino l’assenza e che dimostrino che dopo il rientro in UK non sia stata interrotta la continuità del proprio soggiorno in UK.


AGGIORNARE IL PROPRIO STATUS

Qualora si dovesse cambiare l’indirizzo di residenza, numero di telefono, email o rinnovare il passaporto o la carta d’identità, è necessario aggiornare le informazioni collegate al proprio status di immigrazione cliccando qui.


RIFIUTO DELLA DOMANDA

Qualora la domanda per l’EU Settlement Scheme sia stata rifiutata e non si è soddisfatti di tale esito, è possibile:

  • richiedere una administrative review se si crede sia stato un errore. Il costo è di £80 che verranno rimborsati qualora l’Home Office dovesse riconoscere il proprio errore

  • fare domanda d’appello al Tribunale di Primo Grado se la richiesta è stata presentata dal 31 gennaio 2020 in poi

  • presentare una nuova domanda qualora la scadenza per il tipo di domanda non è ancora passata, per esempio nei casi di ricongiungimento familiare, e si hanno ulteriori documenti da aggiungere per dimostrare di avere tutti i requisiti necessari.

175 views0 comments