Covid, Regno Unito: si ipotizza di rimandare lo sblocco delle restrizioni al 19 luglio


Il primo ministro britannico Boris Johnson sta ipotizzando di rimandare l'eliminazione di tutte le restrizioni imposte a causa del Covid-19, prevista per il 21 giugno, al 19 luglio, a causa dell'aumento esponenziale dei nuovi contagi provocati dalla variante Delta, i quali sono triplicati in una settimana.


I casi derivanti dalla variante indiana sono aumentati del 240% in appena una settimana e ciò starebbe spingendo Johnson a ritardare l'uscita dal blocco.


Secondo i piani che verranno annunciati lunedì, sarà inclusa una revisione di due settimane, il che significa che le restrizioni Covid potrebbero essere eliminate il 5 luglio se i ricoveri dovessero rimanere bassi.


Fonti di Whitehall coinvolte nella pianificazione del ritardo, sottolineano il fatto che tutti gli adulti avranno ricevuto almeno la prima dose del vaccino entro la fine di luglio.

Il ritardo verrà utilizzato per capire se il piano vaccinale riuscirà ad impedire che il numero di contagiati non provochi una nuova impennata dei ricoveri ospedalieri.


L'analisi di Public Health England mostra che le infezioni sono aumentate da 12.431 della scorsa settimana a 42.323, con un tasso di crescita pari al 240%. Il 96% dei contagi registrati nel Regno Unito sarebbero provocati dalla variante indiana.


Gli esperti hanno affermato che all'interno dei nuclei famigliari ci sarebbe il 64% di probabilità in più di essere contagiati dalla variante indiana piuttosto che da quella alpha o del Kent.

30 views0 comments