Covid UK, niente freedom day il 5 luglio e probabile terza dose del vaccino


Il nuovo segretario alla salute Sajid Javid ha annunciato che le restrizioni non verranno rimosse il 5 luglio, come sperato, ma che sarà necessario attendere altre 3 settimane per il Freedom Day.


Ha comunicato oggi che il governo cercherà di eliminare la maggior parte delle restrizioni il 19 luglio, dichiarando: “Le restrizioni sulle nostre libertà devono finire. Lo dobbiamo alle persone britanniche che hanno sacrificato così tanto per ripristinare le loro libertà il più velocemente possibile e non aspettare più a lungo di quanto necessario. Aspettando altre tre settimane si riusciranno a vaccinare ancora più persone."

Javid, che è subentrato a Matt Hancock travolto dallo scandalo sentimentale, ha dichiarato: “Siamo ancora in una pandemia e la voglio veder finire il prima possibile. Questa sarà la mia priorità più immediata: tornare alla normalità il più presto e rapidamente possibile".

La quarta fase della roadmap del governo per uscire dal blocco avrebbe dovuto vedere tutte le restrizioni revocate il 21 giugno, ma la data è stata posticipata di un mese a causa della diffusione della variante delta. Alla data di ieri erano state erogate 44.314.799 prime vaccinazioni e 32.460.191 persone hanno ricevuto entrambe le dosi. Tuttavia nelle ultime 24 ore ci sono stati 14.876 nuovi casi e 11 nuovi decessi per il virus mortale.


Intanto le ricerche hanno confermato che l'aggiunta di una terza dose nella somministrazione del vaccino anti Covid di Oxford-AstraZeneca rafforza l'effetto immunitario dell'antidoto e la sua capacità di neutralizzare sia la variante Alfa del virus (inglese), sia quella Beta (sudafricana), sia soprattutto quella Delta (indiana) che in questa fase preoccupa e dilaga di più nel mondo. Lo si legge nel comunicato diffuso dalla stessa AstraZeneca in allegato alla presentazione dei risultati di un nuovo studio sperimentale aggiornato condotto dai ricercatori di Oxford. Il terzo richiamo, inoculato almeno 6 mesi dopo la seconda dose, incrementa gli anticorpi fino a 6 volte, viene precisato.


Novità anche sul versante italiano dove è stata annunciata l'ipotesi di poter rilasciare il green pass solo a chi ha ricevuto entrambi le dosi di vaccino: "è' verosimile che la variante Delta ci costringerà a rimodulare il green pass, rilasciandolo dopo la seconda dose di vaccino", a confermarlo è il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri.


1,177 views0 comments