Covid UK, obbligo di mascherina: multe salate per chi non rispetta le regole


L'obbligo di indossare la mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici, per prevenire la diffusione della variante Omicron del Covid, è stato preso molto seriamente dal Governo Britannico, che ha previsto multe abbastanza salate per chi dovesse rifiutarsi di rispettare la prescrizione.


Secondo indiscrezioni del Telegraph gli individui che non rispettano l'obbligo possono incorrere in una multa iniziale di £ 200. Sono previsti aumenti dell'importo per chi è recidivo: £ 400 per una seconda infrazione e £ 800 per una terza. Il Governo prende di mira anche chi ripetutamente potrebbe infrangere le regole prevedendo una maxi multa di £ 6.400.


Il Telegraph ha riportato che verranno introdotte queste modifiche durante una seduta della Camera dei Comuni, prima dell'entrata in vigore delle nuove restrizioni nella giornata di Martedì. In generale il sistema di regole di pagamento delle multe rimarrà lo stesso: coloro i quali pagheranno la prima multa entro 14 giorni vedranno l'addebito dimezzato a £ 100.


In queste ore c'è stata un'ulteriore specifica sull'obbligo di mascherina: i ragazzi studenti dall'anno 7 in poi saranno obbligati a indossarla nelle aree comuni.


Sajid Javid a Sky News ha affermato che le misure sono state prese in proporzione alla minaccia della variante Omicron, che gli scienziati temono possa essere la più trasmissibile e la più resistente ai vaccini. Secondo il Segretario di Stato per la Salute l'inasprimento delle regole potrebbe far sì che i Britannici prendano seriamente la situazione, pur ricordando che queste regole potrebbero essere rivalutate dopo tre settimane.


Crescono però le preoccupazioni delle Associazioni di Categoria. Sia Mick Lynch, Segretario Generale della Rail, Maritime and Transport Union, sia James Lowman, Amministratore Delegato dell'Association of Convenience Stores ammettono di essere preoccupati per i lavoratori dei propri settori, che saranno in prima linea contro l'arrabbittura e l'esasperazione dei passeggeri e dei clienti, che non è detto che rispettino di buon grado le regole.


L'intransigenza nel far rispettare le misure arriva dopo che Domenica è stato individuato un terzo caso della variante Omicron. Pare che l'individuo si sia recato a Westminster, nel pieno centro di Londra, mentre era infetto. Salgono quindi a tre i casi certi di Omicron.

309 views0 comments