#EuReconnectionTour: visita dell’On. Ungaro alle eccellenze italiane in UK


L’On. Massimo Ungaro, Deputato eletto del PD per la circoscrizione Estero, si è recato in visita in Inghilterra per alcune tappe del “EuReconnectionTour, un tour di visita alle comunità italiane presenti in alcuni dei più importanti Paesi europei, con lo scopo di “riconnettersi” con i connazionali residenti all’estero dopo due anni di pandemia, per ascoltarne i punti di vista e le varie esigenze.


Tra le varie realtà italiane visitate dall’Onorevole, non è potuta mancare una tappa alla sede della Tratos Ltd, azienda italiana presente in Inghilterra, leader del settore dei cavi, definita di grande successo dallo stesso Onorevole e guidata dall’imprenditore italiano Maurizio Bragagni, il quale, tra i numerosi riconoscimenti ottenuti, è stato da poco insignito del titolo di Officer of the British Empire (OBE).

In merito alle varie eccellenze italiane all’estero visitate, l’On. Ungara le ha definite incredibili, delle realtà che vanno raccontate, presenti in campo industriale, professionale ed accademico.


Per quanto riguarda la Brexit, essendo un convinto sostenitore dell’Unione Europea, si è detto deluso dalla decisione britannica di uscire dall’UE, tuttavia la rispetta ed ha affermato quanto sia importante mantenere un dialogo forte, continuando a lavorare insieme, nonostante le difficoltà create dal nuovo sistema e dalla burocrazia più complicata.

La voglia di collaborare tra i due Paesi resta ed entro la fine dell’anno è prevista la firma di un accordo bilaterale tra Italia e UK, in occasione del prossimo incontro del G20 che avrà luogo in Italia.


L’On. Ungaro si è dichiarato ottimista in merito al futuro, nonostante preoccupi la voglia del Regno Unito di isolarsi, precisando però che il Regno Unito è uscito dall’Unione Europea e non dall’Europa, pertanto è importante mantenere i rapporti e tenere aperto il dialogo per collaborare per il bene collettivo.

L’obiettivo futuro è sicuramente quello di riparare ed eliminare il divario creatosi tra varie zone a causa della pandemia e ricostruire al meglio l’economia.



103 views0 comments