Freedom Day: ecco le regole in vigore dal 19 luglio


Il primo ministro britannico ha confermato il tanto atteso Freedom Day per il 19 luglio, invitando tuttavia la Nazione ad agire con cautela.

Dopo che il Paese ha dovuto sottostare per 18 mesi a rigide restrizioni senza precedenti, è arrivato l’annuncio della fine del lockdown. Decisione presa nonostante il continuo aumento dei contagi, il 99% dei quali causati dalla variante Delta e basata sui risultati ottenuti grazie al programma vaccinale, la mancanza di varianti considerate pericolose ed il numero di ricoveri e decessi che rimane stabile e contenuto.


Johnson si augura che la decisione presa sia irreversibile, ammettendo però di non escludere del tutto la possibilità di dover tornare indietro: "È assolutamente vitale che ora procediamo con cautela. Questa pandemia non è finita. Questo virus continua ad essere rischioso per noi e per le nostre famiglie. Da lunedì non possiamo semplicemente tornare istantaneamente alla vita com'era prima del Covid".


Il ministro della sanità ha dichiarato: "Abbiamo esaminato da vicino i dati rispetto a questi quattro fattori e crediamo fermamente che questo sia il momento giusto per portare la nostra Nazione verso la normalità, quindi passeremo alla fase successiva della nostra tabella di marcia. A coloro che si chiedono perché fare questo passo ora dico: se non ora, quando?"


LE NUOVE REGOLE

Sebbene praticamente tutte le restrizioni legali saranno revocate, rimarranno alcune indicazioni.

  • Non sarà più obbligatorio per legge indossare le mascherine all’interno dei negozi e sui mezzi pubblici, tuttavia il ministro Javid ha affermato che continueranno ad essere "previste e raccomandate” all’interno di luoghi affollati. La decisione però spetterà al singolo individuo, il quale dovrà prenderla basandosi sul proprio buon senso.

  • Per la prima volta da marzo 2020, potranno riaprire anche i locali notturni come le discoteche. I limiti di capacità saranno rimossi per tutti i luoghi e gli eventi, tuttavia verrà incoraggiato l’utilizzo dell’app NHS per dimostrare il proprio status in relazione al covid-19, provando di aver completato il ciclo vaccinale, di essere risultati negativi ad un test o di aver sviluppato gli anticorpi contro il virus, essendo guariti dall’infezione. La richiesta del passaporto vaccinale per il momento sarà a discrezione del locale, però non si esclude che possa essere reso obbligatorio in futuro.

  • Non ci saranno più limiti in merito al numero di persone che si possono incontrare e verrà rimossa la regola del distanziamento sociale di almeno un metro.

  • A partire dal 19 luglio verrà inoltre incoraggiato un graduale ritorno al posto di lavoro, riprendendo a svolgere i propri compiti in presenza.

  • L’obbligo di quarantena a seguito di un contatto con un soggetto risultato positivo al coronavirus rimarrà in vigore fino al 16 agosto, dopodiché i residenti in UK completamente vaccinati ed i minori di 18 anni saranno esentati.

Il Galles dovrebbe rivedere le sue restrizioni il 15 luglio, mentre la Scozia dovrebbe passare al livello 0, il livello più basso di restrizioni previsto nella sua tabella di marcia, il 19 luglio e revocare la maggior parte delle restrizioni legali il 9 agosto. L'Irlanda del Nord invece dovrebbe allentare alcune misure contro il Covid il 26 luglio.

1,777 views0 comments