top of page

Harry Potter: la storia mai raccontata


Dopo 25 anni dal primo libro e 20 anni dal primo film, il mondo di Harry Potter continua ad affascinare e conquistare milioni di fan in tutto il mondo. Molto si è detto e molto si è fatto ma non tutte le storie sono ancora state raccontate.


Siamo ai Warner Bross studios dove i fan del wizarding world possono passeggiare tra i set in cui i film del maghetto con gli occhiali tondi sono stati girati. Numerose le memorabilie che si possono vedere e infiniti i dettagli che si possono scorgere.


Come in tutti i franchise cinematografici non può mancare il merchandising che unisce gli spettatori alla storia. E molti sono i negozi che sono stati aperti a tema Harry Potter in giro per il mondo.


Siamo a Leicester Square direzione Piccadilly Circus, e là dove una volta c’era il ristorante collegato al film di Forrest Gump, oggi sorge il nuovo negozio ispirato alla saga del Maghetto cresciuto a Privet Drive.


All’interno possiamo trovare ogni tipo di oggetto, e possiamo scegliere a quale casa appartenere.


Ma dietro ai film ci sono tantissimi lavoratori che hanno contribuito al successo, e alcuni di questi sono italiani. Spostandoci a Great Windmill Street troviamo un negozio di vestiti che ha una storia da raccontare: quella di Nico Didonna, fashion designer, che ha contribuito al successo mondiale della saga realizzando i vestiti per Ron, i gemelli e Arthur Weasley.


Il bene e il male si sono scontrati combattuti e fusi creando anche tra i fans fazioni e appartenenze che hanno dato poi vita a spettacoli e ambientazioni indimenticabili


Come abbiamo detto, molte storie sono state raccontate e molte ancora se ne racconteranno. Parafrasando il compianto Robbie Coltrane "L’eredità dei film è che le generazioni future raccanteranno ai loro figli queste storie anche tra 50 anni. Noi Non saremo più qui, purtroppo, ma lo sarà la storia di Harry Potter che per ora prosegue anche on stage".



 


29 views0 comments
bottom of page