Italia, Passaporti: uffici sommersi dalle richieste, attese fino a sei mesi



Si stanno verificando forti ritardi per ottenere i passaporti in Italia. Dopo due anni di Pandemia, con la fine delle restrizioni anti-Covid, gli Italiani hanno ripreso a viaggiare e le richieste di rinnovo dei passaporti stanno letteralmente bloccando gli uffici delle Questure. Spesso si deve aspettare fino a sei mesi per un appuntamento. Sono molte le persone che rischiano di non partire e di rinunciare alla vacanza già prenotata. Molti sono gli Italiani impossibilitati a viaggiare verso il Regno Unito.



Le questure in Italia stanno lavorando duramente, molte di esse hanno organizzato degli open day per il rilascio dei passaporti, ma le attese aumentano, mettendo a rischio le vacanze di molte persone. La situazione è ancor più grave nelle città come Roma, Torino e Milano. Al momento gli uffici si occupano della gestione dei casi urgenti per aiutare chi deve partire. Il problema è sorto a causa della mancanza di personale negli uffici e delle numerose richieste.


Alcuni utenti dovranno aspettare quasi sei mesi per ricevere il passaporto, anche se è possibile ottenere la priorità se esistono motivi di urgenza documentabili. Tanti uffici non permettono nemmeno di prenotare appuntamenti fino a inizio autunno 2022. Le città sono le più colpite dal problema: a Torino la disponibilità si trova dal 27 Dicembre, a Roma bisogna attendere fino a Ottobre-Novembre, a Bari fino a Settembre, a Genova fino ad Agosto. La situazione migliora a Milano, Napoli, Firenze, Palermo e Bologna dove bisogna attendere "solo" circa un mese.


Ricordiamoci inoltre che fissato l’appuntamento si devono anche attendere i circa 25 giorni necessari al rilascio del documento. Insomma il rischio è di non riuscire proprio a partire. L'unica soluzione è ottenere la priorità dimostrando la partenza imminente, documentata dal biglietto di volo e collegarsi sui siti delle questure per verificare se si sono liberati dei posti.


Ricordiamo infine che è fondamentale per gli Italiani residenti all'estero iscriversi all'AIRE, per poter ricevere le tutele del caso ed essere seguiti nelle varie prestazioni di servizi.


ENGLISH VERSION


ITALY, PASSPORTS: OFFICES OVERWHELMED BY REQUESTS, WAITING UP TO SIX MONTHS


There are serious delays in obtaining passports in Italy. After two years of Pandemic, with the end of anti-Covid restrictions, the Italians have resumed travel and the requests for renewal of passports are literally blocking the offices of the Police. Often you have to wait up to six months for an appointment. There are many people who risk not to leave and to give up the holiday already booked. Many Italians are unable to travel to the UK.


The police headquarters in Italy are working hard, many of them have organized open days for the issuance of passports, but waiting increase, putting at risk the holidays of many people. The situation is even worse in cities such as Rome, Turin and Milan. At the moment the offices deal with the management of urgent cases to help those who have to leave. The problem arose because of the lack of staff in the offices and numerous requests.


Some users will have to wait almost six months to receive their passports, although priority can be obtained if there are documentable reasons for urgency. Many offices do not even allow you to book appointments until early autumn 2022. The cities are the most affected by the problem: in Turin availability is from 27 December, in Rome you have to wait until October-November, in Bari until September, in Genoa until August. The situation improves in Milan, Naples, Florence, Palermo and Bologna where you have to wait "only" about a month.


We have to remind us that obtained the appointment we must wait for the approximately 25 days required to issue the document. In short, the risk is not to be able to leave at all. The only solution is to get priority by showing the imminent departure, documented by the flight ticket and to connect on the sites of the police to check if they have freed up spaces.


Finally, we remind you that it is essential for Italians living abroad to register at the AIRE, in order to receive the appropriate safeguards and be followed in the various services provided.



 



8 views0 comments