Londra, apre Nusr-Et: il ristorante social che non è per tutti


Tap, like, segui. Quante volte ci siamo trovati a fare queste cose sui social network? Seguiamo i contenuti più disparati facendoci consigliare gli acquisti dai nostri influencer preferiti. Ma quando il social altera la percezione della realtà, tanto da faci scordare il valore reale di quello che abbiamo in mano rispetto al brand, al logo o alla faccia dell’influencer di turno?


A Londra ha aperto Nusr-Et il ristorante del cuoco noto come Salt Bae, diventato famoso sui social grazie alla sua cascata di sale sui piatti di carne che prepara. Tanto famoso sui social che star internazionali fanno a gara per imitare il suo gesto accompagnati da bistecche ricoperte d’oro edibile. Ma se i social sono per tutti, non si può dire lo stesso dei suoi prodotti. La percezione di cosa stiamo comprando è totalmente alterata: basti vedere lo scontrino che vi riportiamo qui sotto.


Andiamo per ordine: tralasciando il peso e la qualità della carne che non ci sentiamo di commentare, rivolgiamo lo sguardo a prodotti più di uso quotidiano come la pannocchia di mais proposta a 12 pound al pezzo, la coca cola a 9 pound o la red bull a 11 pound. Non mancano prodotti italiani come ad esempio la burrata con il prezzo di 25 sterline a piatto; mentre l’aqua minerale naturale venduta a 9 pound la bottiglia.


Prezzi stellari che cavalcano l’onda del successo, esattamente tanto quanto quelli degli influencer italiani. Fece scalpore poco tempo fa la collaborazione tra Chiara Ferragni ed Evian con la produzione della bottiglia di acqua griffata dal costo di 8 euro al pezzo.

Non è da meno il fenomeno di Tik Tok, Khaby Lame, che grazie al suo successo social, ha lanciato il suo store online di oggetti più disparati con prezzi che vanno da 17.47 pound per una maglietta fino a 29.17 pound per la macchina dei pop corn, passando per cavi di ricarica, costumi e spremiagrumi.

Ma la domanda che dobbiamo porci è sempre la stessa: quanto la percezione del valore reale è alterata grazie al successo della persona? Insomma prodotti dei social che non sono proprio alla portata di tutti.

313 views0 comments