NHS Clinical Excellence Award to Doctor Renato Caviglia


Relatively optimistic about recent Covid-19 cases in hospitals. After Brexit: requests for consultations for the Italian Clinic in London increase. (From International Press Agency AISE Italy. By Christian Vinante Giovannini)

LONDON \ aise \ - After 14 years of medical studies and a further period of work at one of the most prestigious Italian universities, the "Campus Biomedico", Rome, Italy, in 2015, Dr. Renato Caviglia, Specialist in Gastroenterology and Digestive Endoscopy with a scientific interest in autoimmune diseases of the digestive system, arrived at the Imperial College Hospital, London, as a "Visiting Physician". Five years later, he was confirmed as a Senior Consultant at the Barts Health NHS Trust, one of the oldest hospitals in Europe which includes the prestigious Royal London Hospital and St Bartholomew Hospital. It was here that he received the NHS Award for Clinical Excellence for his dedicated work during the 3 waves of the pandemic. Dr Caviglia points out that this award was earned by hard work, long hours of overtime and often volunteering to cover sick or recovering colleagues, without asking for any remuneration either for himself or for his team members. For Dr Caviglia, a doctor's work is not just a profession but also a "mission", And this was recognized by the entire British population, with the cheers of the city and in front of the hospitals. I had the pleasure of meeting Dr. Caviglia and discussing the recent health situation in England, where, even after five years and the confirmation in the substantive role in the job he loves most, that is supervising young doctors in their specialist training in real hospital practice, he still considers himself a "guest". "I respect and admire England, its rules and traditions, Renato confesses to me. Yet, at the same time, he emphasises the professional experience made in Rome at the Biomedical Campus was fundamental in his training as a doctor and man: "I will never forget the wisdom of my professors Torsoli, Arullani and Cicala. If I am here today, I owe it above all to them". Inevitably, we discussed the Covid-19 situation. Dr. Caviglia remains cautiously optimistic, even though the current number of infections has a partial value. The seemingly low number of hospitalizations, and, of course, the ICU admissions and deaths is still low. Vaccines are definitely doing their job as most inpatients are unvaccinated or are people with severe immune system problems (immunocompromised people). " If we manage to exceed 85% of the population, or even 90% before the winter season, the situation could be kept under control", he explains. Dr. Caviglia is also a consultant for the "Italian Doctors In London", a clinic run by Italian doctors and located near the British Museum. He tells me that due to Brexit there has been a gradual increase in the difficulty for European citizens to take advantage of the NHS service. Although this was the outcome of the UK leaving the EU, the pandemic has made the situation worse. The high turnout of Covid patients in hospitals has caused the postponement of various specialist appointments and operations for hundreds of thousands of people. The Physicians of the Italian Clinic in London can help members of the Italian community with NHS procedures (for those who have a National Insurance Number) or manage their problems inside the clinic with multi-specialist medical consultations and the most modern diagnostic tools available in the UK today. In conclusion, I asked Renato how he would define his work experience in the UK: "I can say that the UK is truly an advanced country with state-of-the-art technology. Of course, it has its rules which are quite strict but it allows those who are willing to get involved, who have a sense of public service and a spirit of sacrifice to achieve their professional goals which, in other countries, would undoubtedly be more difficult . My experience is direct testimony to this".


ITALIAN VERSION


NHS Clinical Excellence Award al dottor Renato Caviglia

Relativamente ottimista sui recenti casi di Covid-19 negli ospedali. Dopo Brexit: aumentano le richieste di consulenze per l'Italian Clinic di Londra.

(Agenzia Stampa Internazionale AISE Italia. A cura di Christian Vinante Giovannini)


LONDRA \ aise \ - Dopo 14 anni di studi medici e un ulteriore periodo di lavoro presso una delle più prestigiose università italiane, il "Campus Biomedico", Roma, Italia, nel 2015, il Dott. Renato Caviglia, Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva con un interesse scientifico per le malattie autoimmuni dell'apparato digerente, è arrivato all'Imperial College Hospital di Londra, come "Visiting Physician".


Cinque anni dopo è stato insignito del titolo di Senior Consultant presso il Barts Health NHS Trust, uno dei più antichi ospedali d'Europa che comprende il prestigioso Royal London Hospital e il St Bartholomew Hospital. È qui che ha ricevuto l'NHS Award for Clinical Excellence per il suo lavoro durante le 3 ondate della pandemia.


Il dottor Caviglia sottolinea che questo premio è stato guadagnato con un duro lavoro, lunghe ore di straordinari e spesso facendo volontariato per coprire i colleghi malati o in convalescenza, senza chiedere alcun compenso né per sé né per i membri del suo team. Per il dottor Caviglia il lavoro del medico non è solo una professione ma anche una "missione", e tale impegno è stato riconosciuto da tutta la popolazione britannica, con gli applausi della città e davanti agli ospedali.


Ho avuto il piacere di conoscere il Dott. Caviglia e discutere con lui della recente situazione sanitaria in Inghilterra, dove, anche dopo cinque anni e la conferma nel ruolo sostanziale nel lavoro che più ama, quello di supervisionare i giovani medici nella loro formazione specialistica in veri ospedali pratica, si considera ancora un "ospite".


Rispetto e ammiro l'Inghilterra, le sue regole e tradizioni", mi confessa Renato. Eppure, allo stesso tempo, sottolinea che l'esperienza professionale fatta a Roma al Campus Biomedico è stata fondamentale nella sua formazione di medico e di uomo: "non dimenticherò mai la saggezza dei miei professori Torsoli, Arullani e Cicala. Se oggi sono qui lo devo soprattutto a loro”.


Inevitabilmente, abbiamo discusso della situazione Covid-19. Il dottor Caviglia resta cautamente ottimista, anche se l'attuale numero di contagi ha un valore parziale.


Il numero apparentemente basso di ricoveri e, naturalmente, i ricoveri e i decessi in terapia intensiva è ancora basso. I vaccini stanno sicuramente facendo il loro lavoro poiché la maggior parte dei pazienti ricoverati non sono vaccinati o sono persone con gravi problemi del sistema immunitario (persone immunocompromesse). "Se riusciamo a superare l'85% della popolazione, o addirittura il 90% prima della stagione invernale, la situazione potrebbe essere tenuta sotto controllo", spiega.


Il Dott. Caviglia è anche consulente per "Italian Doctors In London", una clinica gestita da medici italiani e situata vicino al British Museum. Mi racconta che a causa della Brexit c'è stato un graduale aumento della difficoltà per i cittadini europei di usufruire del servizio NHS. Sebbene questo sia stato il risultato dell'uscita del Regno Unito dall'UE, la pandemia ha peggiorato la situazione. L'elevata affluenza di pazienti Covid negli ospedali ha causato il rinvio di vari appuntamenti e interventi specialistici per centinaia di migliaia di persone. I Medici di Italian Doctors possono aiutare i membri della comunità italiana con le procedure dell'NHS (per coloro che hanno il National Insurance Number) o gestire i loro problemi all'interno della clinica con consulenze mediche multispecialistiche e i più moderni strumenti diagnostici disponibili in Regno Unito oggi.


In conclusione, ho chiesto a Renato come definirebbe la sua esperienza lavorativa nel Regno Unito: "Posso dire che il Regno Unito è davvero un Paese avanzato con una tecnologia all'avanguardia. Certo, ha delle regole piuttosto rigide ma permette a chi ha voglia di mettersi in gioco, a chi ha un senso di pubblico servizio e spirito di sacrificio per raggiungere i propri obiettivi professionali che, in altri Paesi, sarebbero senza dubbio più difficili. La mia esperienza ne è diretta testimonianza".