Niente mini quarantena per chi arriva in Italia dal Regno Unito



Con un post su Facebook il Ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato l’eliminazione della quarantena per chi viaggia verso l’Italia arrivando dal Regno Unito.


Il provvedimento è stato annunciato tramite un post pubblicato sulla pagina social del Ministro. Il cambiamento della regola di viaggio arriva dopo che l’Italia è stata confermata dal governo inglese nel gruppo Ambra dei Paesi a rischio Covid.


Ecco le regole attuali per viaggiare.


Viaggiare dal Regno Unito verso l'Italia


Fino al 30 agosto, i viaggiatori provenienti dal Regno Unito e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell'isola di Cipro), prima della partenza devono:


  • Sottoporsi a tampone antigenico o molecolare 48 ore prima della partenza;

  • Compilare il Passenger Locator Form.


All’arrivo in Italia è fatto obbligo di rispettare un periodo di autoisolamento domiciliare di 5 giorni, per poi sottoporsi a tampone molecolare o antigenico.


ESENZIONI


A condizione che non insorgano sintomi da COVID-19 e fermi restando gli obblighi di dichiarazione di cui sopra, le disposizioni di cui all’articolo 5 dell’Ordinanza 18 giugno 2021 non si applicano nei casi previsti dal dpcm 2 marzo 2021 all’art. 51, co. 7, lettere:


a) all'equipaggio dei mezzi di trasporto;

b) al personale viaggiante;

c) ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all'elenco A dell'allegato 20;

f) a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;

g) a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a trentasei ore, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;

m) al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a centoventi ore;

n) ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;

o) agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

p) agli ingressi mediante voli «Covid-tested», conformemente all'ordinanza del Ministro della salute 23 novembre 2020 e successive modificazioni;

q) agli ingressi per competizioni sportive di interesse nazionale.


Non si applicano gli obblighi di quarantena e compilazione del Passenger Locator Form:


  • a coloro che rientrano nel territorio nazionale a seguito di permanenza non superiore a 48 ore in località estere situate a non più di 60 km dal luogo di residenza, domicilio o abitazione, purché lo spostamento avvenga con mezzo privato;

  • in caso di permanenza non superiore a 48 ore in luogo situato sul territorio nazionale a non più di 60 km dal luogo estero di residenza, domicilio o abitazione purché lo spostamento avvenga con mezzo privato.


RICONOSCIMENTO DELLE CERTIFICAZIONI COVID


A partire dal 6 agosto in Italia entrerà in vigore l'obbligo di Green Pass per accedere a diverse strutture ed attività.


Il Ministro Speranza ha annunciato nei giorni scorsi che l'NHS Covid Pass è riconosciuto anche in Italia come Green Pass.


Viaggiare dall' Italia verso il Regno Unito


Chi viaggia dall’Italia, prima della partenza deve:


  • Effettuare un test Covid-19 nei 3 giorni precedenti alla partenza

  • Prenotare i tamponi da effettuare all’arrivo in Inghilterra (le regole variano a seconda del proprio status vaccinale)

  • Compilare il Passenger Locator form.


A seconda del proprio status vaccinale, le regole da seguire all’arrivo in Inghilterra sono differenti.


COMPLETAMENTE VACCINATI


In questo caso è sufficiente acquistare il tampone da effettuare il secondo giorno dall’arrivo in UK e non è necessario rispettare alcun periodo di quarantena.


Tali regole si applicano per:


  • Chi è stato vaccinato nel Regno Unito, con un programma vaccinale del Regno Unito all'estero o con un programma di vaccinazione approvato in Europa o negli Stati Uniti

  • Chi prende parte a uno studio sui vaccini COVID-19 approvato nel Regno Unito o negli Stati Uniti

  • Chi minore di 18 anni e residente nel Regno Unito, in un territorio d'oltremare del Regno Unito, negli Stati Uniti o in uno dei paesi europei specificati


NON COMPLETAMENTE VACCINATI


In questo caso è necessario prenotare prima della partenza il kit contenente i tamponi da effettuare durante il secondo ed ottavo giorno di quarantena obbligatoria, la quale ha una durata pari a 10 giorni.


È tuttavia possibile terminare in anticipo la quarantena grazie al Test to Release, il quale può essere effettuato solamente dopo 5 giorni di autoisolamento.


1,234 views0 comments