Politica Italiana: Crisanti rinuncia allo stipendio da Senatore per quello di Professore


Il neo-Senatore della Circoscrizione Europa Andrea Crisanti ha deciso di rinunciare allo stipendio da Parlamentare, preferendo quello da Direttore del laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Università di Padova. Il microbiologo del Partito Democratico ha spiegato che lo stipendio da medico è più alto e conviene per via dei contributi previdenziali. L'Azienda Ospedaliera di Padova ha però voluto chiarire meglio la situazione.


Crisanti, noto per il suo impegno contro il Covid, è stato eletto alle Elezioni Politiche del 25 Settembre 2022. Vista la sua elezione ha dovuto scegliere quale stipendio percepire e come ha dichiarato "ho deciso di mantenere la retribuzione che percepisco dall’Università di Padova, in qualità di Direttore del laboratorio di Microbiologia e Virologia". La scelta è ricaduta su quest'ultima per motivi contributivi, ossia perché gli garantirebbe una pensione migliore.


L'Azienda Ospedaliera di Padova, venendo a conoscenza delle dichiarazioni di Crisanti, ha subito risposto, spiegando che non verranno erogati compensi al Senatore in assenza di prestazioni professionali. Ha precisato che esiste una convenzione con l'Università che prevede una quota economica per le prestazioni lavorative effettivamente garantite. L'ospedale ha poi aggiunto che "gli importanti impegni del Professore in Senato non possono prescindere da un’aspettativa dal lavoro precedente: venendo meno l’impegno medico e professionale a favore dell’Azienda ospedale Università di Padova, si preclude di conseguenza ogni impegno economico da parte della stessa Azienda".


Il Senatore ha subito replicato, affermando che è intenzionato a continuare ad insegnare ed a fare ricerca e che per questi motivi dovranno continuare a pagarlo. Ha spiegato che l'aspettativa parlamentare ha caratteristiche diverse e che quindi è ancora a tutti gli effetti un Professore dell'Università.


A margine delle incomprensioni sorte in questi giorni Crisanti ne ha approfittato per ribadire il suo impegno per la Comunità Italiana all'estero. Tra i suoi obiettivi c'è la volontà di raccogliere tutti gli eletti all'estero per fare fronte comune ai problemi degli Italiani. Infatti, ha spiegato, ci sono troppo pochi eletti nella Circoscrizione Europa, a fronte di un alto numero di residenti all'estero e che la volontà è quella di raccogliere le istanze degli Italiani, ascoltandoli, e affrontarle assieme agli altri colleghi, vista la coincidenza degli obiettivi in molti casi.

ENGLISH VERSION

ITALIAN POLITICS: CRISANTI GIVES UP HIS SALARY AS SENATOR FOR THAT OF PROFESSOR


The new Senator of the European Constituency Andrea Crisanti has decided to give up the salary of Parliamentarian, preferring that of Director of the laboratory of Microbiology and Virology of the University of Padua. The microbiologist of the Democratic Party explained that the doctor’s salary is higher and it pays because of social security contributions. The Hospital of Padua wanted to clarify the situation.


Crisanti, known for his efforts against Covid, was elected to the General Election on September 25 2022. Given his election he had to choose which salary to receive and as he stated "I decided to keep the salary I receive from the University of Padua, as Director of the Laboratory of Microbiology and Virology". The choice fell on the latter for contributory reasons, because it would guarantee a better pension.


The Hospital of Padua, hearing the statements of Crisanti, immediately responded, explaining that no compensation will be paid to the Senator in the absence of professional services. It pointed out that there is an agreement with the University that provides for an economic share for the work actually guaranteed. The hospital then added that "the important commitments of the Professor in the Senate can not be separated from a leave of absence from the previous work: failing the medical and professional commitment to the Hospital Company University of Padua, consequently, any economic commitment by the same Company is excluded".


The Senator immediately replied, stating that he is willing to continue teaching and doing research and that for these reasons they will continue to pay him. He explained that parliamentary leave of absence has different characteristics and that therefore he is still in effect a Professor of the University.


On the sidelines of the misunderstandings that have arisen in recent days, Crisanti has taken the opportunity to reiterate his commitment to the Italian Community abroad. Among his goals there is the desire to gather all the elected abroad to face the problems of the Italians. In fact, he explained, there are too few elected in the European Constituency, against a high number of residents abroad and that the will is to collect the demands of the Italians, listening to them, and face the demands together with other colleagues, given the coincidence of objectives in many cases.

 


31 views0 comments