Regno Unito: acquisti online, cambiano le regole. Più controlli sui pagamenti


Nelle prossime settimane nel Regno Unito chi fa acquisti online dovrà aspettarsi controlli più severi sull'identità, infatti dal 14 Marzo entreranno in vigore le nuove regole antifrode, cui i rivenditori online dovranno adeguarsi.


I fornitori di servizi di pagamento e i rivenditori dovranno adottare le nuove regole di autenticazione denominate SCA, ossia strong customer authentication, motivo per il quale gli acquirenti dovranno dimostrare con certezza la propria identità. Praticamente un rivenditore online, prima di accettare un pagamento, dovrà autenticare l'identità del cliente. Il provvedimento sarà valido per gli acquisti più costosi e richiederà agli acquirenti di inserire una password, un pin o un codice monouso che verranno inviati tramite sms o rete fissa, in alternativa l'autenticazione verrà eseguita attraverso la conferma dell'acquisto attraverso la prorpia app di homebanking.


Ad introdurre le nuove regole è stata la Financial Conduct Authority (FCA). Il cambiamento avrebbe già dovuto verificarsi l'anno scorso, ma c'è stata la necessità di concedere più tempo ai rivenditori e ai gestori di servizi per adattarsi. La legge in questione è stata voluta dall'Autorità bancaria europea ed è stata adottata dal Regno Unito prima che avvenisse la Brexit.


I controlli saranno applicati agli acquisti online con carta di debito e di credito e colpiranno quelli che sono considerati gli acquisti più a rischio: acquisti di alto valore, quelli al di fuori delle normali abitudini di spesa di un acquirente od eseguiti tramite un dispositivo diverso dal solito.


Secondo le norme dell'UE, i pagamenti inferiori a € 30 (£ 25) sono considerati di basso valore, quindi le autenticazioni si applicheranno a tutte le cifre di spesa che superano tale limite, anche se esistono delle esenzioni per cui non tutte le spese al di sopra di quel livello richiederanno la SCA. Ad essere monitorati con particolare attenzione saranno anche i pagamenti di importi bassi ripetuti più volte.


Il nuovo sistema di controlli e verifiche in realtà potrebbe già essere stato applicato in alcuni casi a partire dal 18 Gennaio, dato che varie emittenti di carte di debito o credito hanno iniziato ad adeguarsi con anticipo alla tecnologia in questione. Prima di Natale la FCA ha avvertito che i commercianti che non sono in grado di rispettare i requisiti antifrode "rischiano che le transazioni online dei loro clienti vengano rifiutate".



500 views0 comments