Regno Unito, Economia: la Sterlina scende ancora e i mercati temono la manovra di Kwarteng


Dopo l'annuncio della manovra di bilancio del Cancelliere Kwasi Kwarteng i mercati hanno subito reagito in negativo. Il timore è che il Regno Unito stia affidando le sue sorti ad una manovra inattuabile, visti i numerosi tagli sulle tasse. Per questo, Lunedì mattina, il valore della Sterlina è sceso di circa il 5%, arrivando a 1,0327 dollari.


La manovra di Kwarteng ha sortito degli effetti indesiderati sui mercati, trascinando la Sterlina a un - 5% circa sul Dollaro. Lunedì, all'apertura dei mercati, la Sterlina ha toccato un valore di 1,0327 dollari, prima di stabilizzarsi a circa 1,08 dollari. La Bank of England quindi ha subito affermato che non esiterà a modificare i tassi di interesse, se ce ne fosse la necessità, vista anche l'azione degli speculatori sul mercato.


Anche la reazione del Tesoro non si è fatta attendere. Da subito ha tentato di tranquillizzare i mercati, affermando di fornire prossimamente ulteriori dettagli sulla manovra di bilancio, ma non è stato sortito alcun effetto positivo. Ecco che allora è stato annunciato che il 23 Novembre Kwarteng definirà un piano fiscale a medio termine. Così, nonostante già Giovedì i tassi bancari siano saliti del 0,5%, la Bank of England, come già detto, sarebbe pronta ad un aumento d'emergenza dei tassi d'interesse per sostenere la Sterlina in attesa del piamo fiscale di fine Novembre.


Al momento la situazione è delicata: l'OBR, l'organismo incaricato di fornire previsioni economiche e analisi di bilancio, non ha fornito ancora i dati sulla manovra annunciata da Kwarteng, in quanto si tratta di una manovra straordinaria e così ogni analisi verrà fornita soltanto a Novembre, in contemporanea al piano fiscale annunciato dal Tesoro. In questo lasso di tempo però il Governo non starà fermo e i Segretari di Stato e i Ministri, ad Ottobre e ad inizio Novembre, annunceranno ulteriori misure per aiutare la crescita del Paese.


Per ora, secondo il "Daily Telegraph", l'opposizione interna alla maggioranza di Liz Truss minaccia di non approvare la Legge Finanziaria del Governo o addirittura di presentare lettere di sfiducia. Ad accendere gli animi sarebbe il timore che la Sterlina possa pareggiare con il Dollaro.


La situazione nel concreto si traduce in una Sterlina che funge da tester della fiducia nella leadership del nuovo Primo Ministro Truss. La mancanza di dati dell'OBR inoltre non dà all'esterno la percezione del come la manovra di Kwarteng potrà essere attuata. La domanda è: da dove verranno presi i soldi? Viste le premesse è facile immaginare un calo della forza della Sterlina e un danno all'Economia del Regno Unito.


I primi a sentirne gli effetti negativi sicuramente sarebbero (anzi già sono) gli importatori e in generale chi commercia in dollari, costretti ad acquistare con una moneta, la Sterlina, meno competitiva sul Dollaro. Tuttavia gli esportatori potrebbero trarne un vantaggio, visto che con una merce più economica potrebbero aumentare il volume di affari, cosa che di fatto sta succedendo. Anche il rendimento dei Titoli di Stato decennali (Gilt) sono aumentati, salendo al 4%, un dato non incoraggiante considerato che il Governo con tutta probabilità aumenterà l'indebitamento del Paese.

ENGLISH VERSION


UK, ECONOMY: STERLING FALLS FURTHER AND MARKETS FEAR KWARTENG MANOEUVRE


After the announcement of Chancellor Kwasi Kwarteng’s budget move, the markets reacted negatively. The fear is that the UK is entrusting its fate to an unworkable manœuvre, given the numerous tax cuts. For this, Monday morning, the value of the Pound fell by about 5%, reaching 1,0327 dollars.


The Kwarteng manœuvre has had undesirable effects on the markets, dragging the Pound to about a - 5% on the Dollar. On Monday, at the opening of the markets, the Pound touched a value of 1,0327 dollars, before stabilizing at about 1.08 dollars. The Bank of England has therefore immediately stated that it will not hesitate to change interest rates, if necessary, given the action of speculators in the market.


Even the reaction of the Treasury arrived. It immediately tried to reassure the markets by stating that he would shortly be giving further details on the budgetary stance, but there was no positive effect. It was then announced that Kwarteng will define a medium-term fiscal plan on November 23. So, even though bank rates had already risen by 0.5% on Thursday, the Bank of England, as already mentioned, would be ready for an emergency rise in interest rates to support the Sterling while waiting for the fiscal plan of late November.


At the moment the situation is delicate: the OBR, the office responsible for providing economic forecasts and budgetary analysis, has not yet provided data on the manœuvre announced by Kwarteng, this is an extraordinary manœuvre and so any analysis will be provided only in November, at the same time as the tax plan announced by the Treasury. In this period of time, however, the Government will not stand still and the Secretaries of State and Ministers, in October and early November, will announce further measures to help the growth of the Country.


For now, according to the "Daily Telegraph", the internal opposition to the majority of Liz Truss threatens not to approve the Government’s Financial Law or even to present letters of no confidence. The fear that the Pound might balance the Dollar would ignite the mood.


The situation in practice translates into a Sterling that acts as a tester of confidence in the leadership of the new Prime Minister Truss. The lack of OBR data also does not give the outside perception of how the Kwarteng manœuvre can be implemented. The question is, where’s the money coming from? Against this background it is easy to imagine a decline in the strength of the Pound and a damage to the UK Economy.


The first to feel the negative effects would be certainly (indeed already are) importers and in general those who trade in dollars, forced to buy with a currency, the Sterling, less competitive on the Dollar. However, exporters could benefit from this, as cheaper goods could increase the volume of business, which is actually happening. The yield on 10-year government bonds (Gilt) also increased to 4%, which is not encouraging given that the Government is likely to increase the Country's debt.



 


486 views0 comments