Regno Unito: futuro incerto per l’economia inglese. Rallentano sterlina e consumi



Sembra che una brutta aria di Crisi Economica stia tirando sul Regno Unito. Piccoli ma significativi segnali stanno preoccupando il Paese.


Il commercio, si sa, è il termometro più sensibile all’economia reale, in quanto è il più vicino ai consumatori. Si pensi al John Lewis di Oxford Street, che possiede anche i supermercati Waitrose, che ha accusato una perdita di oltre 90 milioni di sterline in Estate, a causa del calo dei consumi (bilancio che ancora non registra l'ultimo mese, forse ancor più terribile). Oppure pensiamo ai cartelli di saldi che stanno comparendo in numerose vetrine di Londra, saldi evidentemente fuori stagione. I Britannici insomma non fanno più acquisti e le cause sono l’aumento dei prezzi e gli elevati costi dell'energia.


L’ONS (Office for National Statistics), Venerdì scorso, ha rivelato che l’acquisto di beni di consumo è diminuito dell’1,6% tra Luglio e Agosto. Lo stesso giorno la Sterlina ha toccato i minimi storici dal 1985 sul Dollaro. La Sterlina, secondo i dati di Refinitiv, è scesa dello 0,8% sul Dollaro, a 1,137 dollari. Appena pochi mesi fa, la Sterlina si attestava al livello record di 1,4 dollari con la prospettiva di toccare i 1,5 dollari. Nonostante le fasi alterne la Sterlina sembra indebolirsi sempre di più: dal picco di 2,15 dollari per una Sterlina, la moneta inglese è andata nel tempo in discesa, con il record negativo del 1985, riconfermato in questi giorni, Venerdì scorso, come detto prima. Questo dato chiaramente preoccupa per il futuro del Regno Unito e lo stesso Governatore della Bank of England, Andrew Bailey, mesi fa, aveva paventato l' "apocalisse".


Il crollo della Sterlina però è solo sul Dollaro: sull’Euro la valuta inglese è stabile, sempre attorno a 0,85 dalla Brexit di Gennaio 2021. È il Continente Europeo che sta crollando sul Dollaro, a causa della crisi energetica. Inoltre anche se la Gran Bretagna importa poco gas dalla Russia, dato che il prezzo del gas si fissa ad Amsterdam per tutti, il Paese vede comunque salire l'inflazione e i costi delle bollette.


A fare i conti con questa situazione saranno il nuovo Primo Ministro Liz Truss e i suoi Segretari. L'obiettivo è quello di rendere appetibile il Paese, incentivando gli investitori a puntare sulle potenzialità del Regno Unito. Lo stesso Governo si sta occupando anche dei Cittadini: è stato pensato un piano di aiuti da 150 miliardi di sterline per le Famiglie, per congelare il costo eccessivo delle bollette. Ricordiamoci che l'anno scorso il tetto dei prezzi (price cap) era di circa 1.100 sterline, poi era stato previsto un aumento a 3.100 sterline per il mese di Ottobre e uno a 5.000 sterline entro Gennaio 2023. Fortunatamente il Governo ha congelato il prezzo a 2.500 sterline, anche se è ancora il doppio dell'anno precedente. Una batosta per i Britannici che devono sostenere questi costi, che vanno a sommarsi al 13% di inflazione generale.


ENGLISH VERSION


UK: UNCERTAIN FUTURE FOR UK ECONOMY. POUND AND CONSUMER SLOW


It seems that a bad air of Economic Crisis is pulling on the UK. Small but significant signs are troubling the Country.


Trade, as we know, is the most sensitive thermometer to the real economy, as it is the closest to consumers. Think of the John Lewis of Oxford Street, which also owns the Waitrose supermarkets, which suffered a loss of over £90 million in the Summer, due to the decline in consumption (a balance that still does not record the last month, perhaps even more terrible). Or think of the sale signs that are appearing in numerous windows in London, sales evidently out of season. In short, the British no longer make purchases and the causes are rising prices and high energy costs.


The ONS (Office for National Statistics), last Friday, revealed that the purchase of consumer goods decreased by 1.6% between July and August. On the same day, the British Pound hit record lows on the Dollar since 1985. The Pound, according to Refinitiv data, fell by 0.8% on the Dollar, to 1.137 dollars. Just a few months ago, the Pound stood at a record level of 1.4 dollars with the prospect of reaching 1.5 dollars. Despite the alternating phases the Pound seems to weaken more and more: from the peak of 2.15 dollars for a Pound, the English currency has gone in the time in descent, with the negative record of 1985, confirmed in these days, last Friday, as said before. This is clearly worrying for the future of the United Kingdom and the Governor of the Bank of England, Andrew Bailey, months ago, had feared the "apocalypse".


The fall of the Pound, however, is only on the Dollar: on the Euro the English currency is stable, always around 0.85 since Brexit in January 2021. It is the European Continent that is collapsing on the Dollar, due to the energy crisis. Moreover, even if Great Britain imports little gas from Russia, since the price of gas is fixed in Amsterdam for everyone, the Country still sees inflation and bill costs rise.


The new Prime Minister Liz Truss and her Secretaries will come to terms with this situation. The goal is to make the Country attractive, encouraging investors to focus on the potential of the United Kingdom. The Government itself is also dealing with Citizens: a £150 billion aid plan has been devised for Families to freeze the excessive cost of bills. Let us remember that last year the price cap (price cap) was around £1,100, then an increase to £3,100 for October and £5,000 for January 2023 were expected. Fortunately, the Government has frozen the price at 2,500 pounds, although it is still double the previous year. This is a blow to the British who have to bear these costs, which add up to 13% of overall inflation.


 


192 views0 comments