Regno Unito: Inigo Lambertini nominato Ambasciatore d’Italia a Londra



Inigo Lambertini è da ieri, 6 Ottobre 2022, l’Ambasciatore d’Italia nel Regno Unito, dopo aver ricoperto numerosi incarichi in 4 continenti. È il diciannovesimo Ambasciatore nel Paese dalla fondazione della Repubblica e il trentaseiesimo dall’Unità d’Italia, nonché il primo che presenterà le credenziali a Re Carlo III.



Molte le tappe della sua carriera: nel 1987 entra in carriera diplomatica, con specializzazione economico-commerciale, e dal 1987 al 1991 è assegnato alla Direzione Generale per gli Affari Economici del Ministero degli Affari Esteri. Dopo aver ricoperto il ruolo di incaricato d’Affari presso l’Ambasciata d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo, si è trasferito in Brasile, dove dal 1993 al 1997 è stato a Capo dell’Ufficio Commerciale dell’Ambasciata.


Dal 1997 al 1999 ricopre la funzione di Consigliere alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UE a Bruxelles, mentre dal 1999 al 2001 è Consigliere presso l’Unità di Coordinamento della Segreteria Generale del Ministero degli Affari Esteri. Nel 2001 si trasferisce a Washington, dove fino al 2005 è Consigliere per gli affari interni dell’Ambasciata e successivamente Primo Consigliere. Dopo gli Stati Uniti, dal 2005 al 2009 è Vice Rappresentante Permanente d’Italia presso l’OCSE a Parigi. Nel Gennaio 2009 è promosso al grado di Ministro Plenipotenziario. Nel 2014, è nominato Vice Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite, con titolo e rango di Ambasciatore. Nel 2017 è Vice Capo Delegazione Italiana al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dove, nel novembre dello stesso anno, co-presiede il Consiglio di Sicurezza. Dal 24 luglio 2018 è stato il Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica, ruolo che ha ricoperto fino all’arrivo a Londra. Non meno importante la sua nomina a Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.


Sul suo mandato, l’Ambasciatore Lambertini ha dichiarato che avviene “in un momento storico unico, con cambiamenti epocali in divenire accompagnati dall’elegante rispetto di tradizioni secolari”, e che il suo orientamento nel dirigere la Sede sarà basato su “pragmatismo, tutela degli interessi dei tantissimi connazionali e delle imprese italiane presenti nel Regno Unito, dialogo politico e culturale continuo con l’obiettivo di rafforzare la profonda amicizia che unisce Italia e Regno Unito.


 


69 views0 comments