UK, Waitrose, spreco alimentare: niente più “best before”. Facciamo chiarezza


La catena di supermercati Waitrose, per combattere lo spreco alimentare, ha deciso di eliminare la dicitura “best before”, “da consumarsi preferibilmente entro”, su 500 prodotti alimentari freschi.

La notizia in questi giorni è stata riportata in maniera grossolana, scatenando l’indignazione della gente, inducendola a credere che questa mossa potesse comportare un danno alla salute delle persone. È necessario precisare che ad essere eliminata non sarà la data di scadenza dei prodotti, bensì l’indicazione “da consumarsi preferibilmente entro”.

La data indicata come “best before”, non è una data di scadenza vera e propria. Essa indica fino a quando la qualità del prodotto è al suo massimo livello e non fino a quando è possibile consumarlo.

La differenza tra l’indicazione “best before” e “use by”, è pertanto significativa: la consumazione del prodotto oltre la data riportata con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro” non comporta alcun danno alla salute, in quanto il prodotto è perfettamente commestibile e per nulla guasto.


Al contrario, la dicitura “use by”, indica la data di scadenza vera e propria del prodotto, oltre la quale esso non è più consumabile in quanto prossimo ad “andare a male”, con la formazione di germi e sostanze nocive per la salute. Come precisato dalla professoressa Patrizia Laurenti, docente di Igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore: “Per i prodotti freschi di origine animale, se si va oltre la data di scadenza vera e propria indicata ci può essere una alterazione della composizione microbica, che può comportare problemi a soggetti fragili, soprattutto anziani e bambini”. In questo caso, dunque, il rispetto deve essere più scrupoloso.


Ad esempio, sulla confezione di un panettone può essere indicato il mese di dicembre come “best before”, ma avere una data di scadenza relativa al mese di gennaio. Ciò significa che è possibile gustare al meglio il prodotto entro il mese di dicembre in quanto risulterà morbido e fresco, rimanendo tuttavia tranquillamente commestibile fino al mese di gennaio, anche se potrà risultare magari meno soffice.


L’INIZIATIVA DI WAITROSE

Ogni anno ciascuno di noi butta circa 31Kg di prodotti alimentari, la maggior parte dei quali vengono eliminati basandosi non solo sulla vera e propria data di scadenza, ma anche sulla dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”.


Per combattere l’eccessivo spreco di cibo, la catena di supermercati inglese Waitrose ha deciso di eliminare l’indicazione “da consumarsi preferibilmente entro” su 500 prodotti freschi, con la speranza è che così facendo i consumatori getteranno via il cibo solo quando effettivamente non sarà più in buone condizioni.


ENGLISH VERSION

The Waitrose supermarket chain, to combat food waste, has decided to remove the indication "best before" on 500 fresh food products.


The news in these days has been reported in a gross way, triggering the indignation of people, causing them to believe that this choice could result in damage to people’s health. It is necessary to specify that it won't be deleted the expiration date of the products, but the indication "best before".


The date referred to as "best before" is not a proper expiration date. It indicates until when the quality of the product is at its highest level and not until you can consume it.

The difference between the indication "best before" and "use by" is therefore significant: the consumption of the product after the date indicated with the words "best before" does not cause any harm to health, as the product is perfectly edible and not faulty.


On the contrary, the word "use by", indicates the actual expiry date of the product, beyond which it is no longer consumable as close to "go bad", with the formation of germs and substances harmful to health. As explained by Professor Patrizia Laurenti, Professor of Hygiene at the Università Cattolica del Sacro Cuore: "For fresh products of animal origin, if you go beyond the actual expiration date indicated there may be an alteration in the microbial composition, which can lead to problems for fragile subjects, especially elderly people and children". In this case, therefore, respect must be more scrupulous.


For example, on the packaging of a panettone can be indicated the month of December as "best before", but have an expiration date related to the month of January. This means that it is possible to enjoy the product at its best by the month of December as it will be soft and fresh, while remaining safely edible until the month of January, even if it may be less soft.


THE WAITROSE INITIATIVE

Every year, each of us throws away about 31Kg of food, most of which are eliminated based not only on the actual expiration date, but also on the words "best before".


To combat the excessive waste of food, the British supermarket chain Waitrose has decided to remove the indication "best before" on 500 fresh products, with the hope is that by doing so consumers will throw away food only when it is actually no longer in good condition.


 



380 views0 comments