Uno chef italiano a Londra: “la tradizione va rispettata”