Voto estero, Di Pietro: "Serve maggiore sicurezza, il sistema di voto deve essere riformato"


Trasmettiamo di seguito il comunicato di Angelo Di Pietro, candidato alla Camera per la lista + Europa.


Manca meno di una settimana alla chiusura del voto per corrispondenza degli italiani all’estero e considerando i tempi di spedizione delle schede elettorali votate verso i Consolati Italiani possiamo dire che il tempo è davvero molto ristretto.

Quest’anno lo spoglio verrà effettuato in diverse città italiane, oltre a Roma, anche Napoli, Bologna, Milano, Firenze, ma questa nuova organizzazione non risolve le tante criticità del voto estero.

Nel 2018 sono stato autore di diverse segnalazioni sulle anomalie riscontrate durante lo spoglio a Castelnuovo di Porto (Roma), che sono state riportate alla Questura di Roma e ribadite in conferenza stampa presso la Camera dei Deputati subito dopo le elezioni.

Durante lo spoglio sono state rilevati una serie di anomalie come il mancato controllo dei tagliandi antifrode delle schede elettorali per verificare che un elettore abbia effettivamente votato una ed una sola volta, la mancata custodia delle schede elettorali dei seggi, molti seggi sono rimasti incustoditi per tutta la notte ed inoltre, non sono mancate casistiche di voto plurimo effettuato da una stessa mano non riconducibili ad un unico nucleo familiare.

Anche quest’anno, così come 5 anni fa, mi giungono segnalazioni di elettori esteri che non hanno ricevuto ancora le schede elettorali, anche questa volta il rischio che ci siano delle alterazioni del voto è molto alto e pericoloso.

Noi di +Europa chiediamo di riformare profondamente il sistema di voto degli italiani all’estero, uniformando le diverse modalità di voto per tutte le elezioni, introducendo l’utilizzo del voto elettronico con l’autenticazione SPID, ed estendendolo anche agli italiani fuori sede in Italia.

Il diritto di voto è un diritto inalienabile, ma deve essere garantito e reso sicuro, non si può correre il rischio che venga alterato.


 


29 views0 comments